Che cos’è il food design?

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

Food design è un termine recente che racchiude il processo di studi progettuali e ricerche che portano alla nascita di nuovi prodotti legati al cibo. Questa disciplina è riconducibile al disegno industriale e si occupa dell’ideazione e progettazione di alimenti, parti di prodotti alimentari complessi e prodotti in qualche modo legati ad essi.

Continua a leggereChe cos’è il food design?

Food Design, progettare con il cibo.

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

Ingurgitando cibo lo facciamo nostro, diventa parte di noi, non ne traiamo solo le qualità nutritive necessarie a sostentarci ma tutto ciò che esso è e che rappresenta. Negli ultimi decenni però gli unici interessi che abbiamo nei confronti del cibo è che costi poco e che riduca al minimo il dispendio di energia per prepararlo. Ne stiamo perdendo completamente il contatto. Ma se non sappiamo cosa mangiamo, chi siamo?

Continua a leggereFood Design, progettare con il cibo.

Crunch Chomp Glug/Fizz! Bon Appetit

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Crunch Chomp Glug/Fizz! Bon Appetit è un progetto realizzato per la mostra di Pino Borselli. Pino è un illustratore, regista e sceneggiatore. Nel 2005 ha lavorato con Roberto Benigni come assistente alla regia disegnando gli storyboard del film “La tigre e la neve”. La mostra “Crossover” vuole mostrare, attraverso una raccolta di lavori, le capacità tecniche e artistiche dell’artista. Il progetto di Food design “Crunch Chomp Glug/Fizz! Bon Appetit” presenta il cibo dal punto di vista dei fumetti. Ogni cibo prende il nome delle onomatopee che vengono usate nei fumetti quando viene assunto quel tipo di cibo o bevanda.

Continua a leggereCrunch Chomp Glug/Fizz! Bon Appetit

Art feeding

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

ART FEEDING è un progetto realizzato per l’artista Sergio Angeli. Le sue opere trattano il dualismo tra corpo e anima argomenti centrali nella vita dell’uomo da tempo immemorabile, da qui i titoli delle opere: corpo e anima, materia e spirito, razionale e irrazionale. Tutti i lavori della mostra prendono il nome di Simulacro. Simulacro è l’apparizione di qualcosa di indefinito che prende forma prima negli occhi dell’artista. L’artista Sergio Angeli accompagna delle poesie alle sue opere. Questo è stata l’ispirazione per il progetto Art Feeding. Le poesie diventano un cibo che può nutrirci.L’etichetta ci informa sui contenuti e le proprietà nutrizionali del cibo e ci invita a scoprire sull’altro lato una poesia. Nutrirci di arte ci lascia guadagnare delle conoscenze essenziali per capire le opere d’arte in mostra.

Continua a leggereArt feeding

Flash of Genius

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Il nome del progetto Flash of Genius vuole rendere omaggio agli allievi della scuola di cucina Food Genius Academy che avrebbero preparato il cibo per i visitatori della mostra. Food Genius Academy era anche la location che ospitava l’evento. Le persone sono coinvolte nel costruire il loro pasto: possono scegliere le pietanze e unendo i packaging tramite un dispositivo, possono ottenere configuarazioni differenti. Ogni packaging rappresenta un aspetto legato al cibo trazione, qualità e sostenibilità. Solo attraverso l’unione di più aspetti (prima citati), che dovrebbero essere alla base della nostra dieta quotidiana, avremo un futuro migliore. Costruire il nostro atto alimentare attraverso scelte consapevoli riporterà il cibo a giocare un ruolo centrale nelle nostre vite. Questo progetto è stato progettato e realizzato per il Fuorisalone durante la Settimana del design di Milano.

Continua a leggereFlash of Genius

Green Garden

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Green Garden è una gelateria storica che nel tempo, ha ampliato l’offerta ai propri clienti con una caffetteria. In previsione di aprire sotto lo stesso nome anche una pasticceria, ci hanno invitati a realizzare un progetto di branding che potesse comunicare questa loro identità che sta via via arricchendosi. Partendo dal nome già definito e dal colore verde che li ha accompagnati in questi anni, abbiamo iniziato a lavorare e a farci suggestionare dagli scenari a cui poteva rimandare il nome “Green Garden”. Viaggiando tra immagini che evocano la natura sotto diverse forme dall’Eden, ai paesaggi di Boch fino all’Art Nouveau abbiamo cercato di cogliere quel senso di natura che volevamo trasmettere nel branding. L’ispirazione è partita dagli elementi floreali delle carte da parati. Prendendo un fiore, stilizzandolo e rendendolo contemporaneo, abbiamo iniziato a definire il logo. Diversi colori sono stati studiati per identificare la gelateria, la caffetteria e la pasticceria in modo da declinare il logo e identificare al meglio queste diverse attività di uno stesso brand.

Continua a leggereGreen Garden

Blend

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Le opere di JD Doria mettono insieme scienza, come disciplina empirica, e arte, come espressione di un essere interiore che evita le regola. JD Doria utilizza Petri dish che vengono usati come contenitori nei laboratori per soluzioni chimiche solide e liquide; il Petri dish è definito come un suolo agricolo. JD Doria monitora le reazioni tra gli elementi e il risultato è rivelatore. Il Petri dish diventa una tela dando vita a nuove forme che, come ha detto l’artista, è a limite tra l’organico e l’intagibile. La fotografia riesce, infine, a rendere la sua arte ancora più sorprendente. Into the food progetta Blend facendo il possibile per creare enfasi tra i visitatori, l’artista e i processi artistici che segue. Ogni visitatore può liberamente decidere quale salsa e miscela, con una selezione basata sulla densità e il colore. Ad ogni modo il visitatore ripercorre lo stesso processo dell’artista attraverso il cibo, aspettando di visualizzare risultati soddisfacenti che venivano invitati a postare e condividere sui social media. Di conseguenza, le persone possono assaporare la loro creazione e guardando le opere d’arte raggiungeranno la coscienza del microcosmo esistente descritta da JD Doria.

Continua a leggereBlend

Join tablecloths, share your food

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Progetto
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

La città nasce nel momento in cui l’uomo decide di organizzare la propria vita attorno a luoghi con determinate funzioni che servano all’intera comunità. Gli spazi pubblici diventano dei luoghi nei quali incontrarsi, stare insieme, commerciare, celebrare insieme i riti religiosi, svolgere attività comuni e utilizzare servizi comuni. Alle piazze reali, caratterizzate dall’essere luoghi aperti a tutti e per diverse attività, si sono sostituite le grandi cattedrali del commercio che riducono l’interesse del frequentatore al solo acquisto di merci. Con il progetto Public Space di Into the Food il fruitore si ritroverà a vivere lo spazio museale come fosse uno spazio pubblico aperto. L’illusione di stare in una piazza o in un giardino, riporterà le persone a sentirsi parte di una stessa comunità. Il cibo verrà servito in dei fagotti di stoffa annodati come il pasto che veniva preparato dai contadini per poter essere consumato all’aperto. Una volta aperto il tovagliolo si è invitati ad collegare il proprio a quello degli altri incoraggiando la collaborazione, la condivisione e lo scambio di esperienze. Vogliamo farci promotori di un’aggregazione sociale costruttiva, carica di valori che difficilmente ritroviamo nella nostra quotidianità. Solo il recupero dell’equilibrio nel rapporto tra uomo e società ci può riportare a risanare la crisi e la decadenza attuale della città, della comunità e degli spazi pubblici. Into the Food collabora alla rassegna fotografica Urban Portraits che analizza la relazione della città ed un suo aspetto sempre diverso. Questo progetto ha aperto la prima mostra della rassegna che aveva come tema gli spazi pubblici.

Continua a leggereJoin tablecloths, share your food